Libro 03

03. IN MEMORIA

Il valore del passato nel tempo dell’iperpresente.

Al centro dell’edizione 2019 del Festival della Peste!, una riflessione sul tema della vecchiaia, inteso come un interrogarsi su tempo, memoria individuale e collettiva, confronto tra generazioni e trasformazione dei corpi. Anche quest’anno ci siamo aperti al tema cominciando dalle domande; perché fare una domanda apre nuove prospettive, invita all’esplorazione, produce nuove connessioni neuronali. Perché fare una domanda vuol dire entrare in una relazione di dialogo e di scambio, vuol dire allenare la pazienza, fare uno sgambetto alla nostra pigrizia mentale.

/ Come ti guardavi allo specchio a sei anni? E stamattina?

/ Usi parole desuete?

/ Vedere sfuocato è un limite o una possibilità poetica?

/ Come combatti i segni del tempo?

/ Cosa non invecchia?

/ Puoi dirmi cinque sinonimi di vecchio?

/ Quante ore dura una lampadina?

/ Invecchiare vuol dire stratificarsi o scendere in profondità?

/ Si sente più solo un vecchio o un bambino?

/ Cos’è un computer senza memoria?