Camilla Barbarito

09 febbraio 2022

“La musica ha sempre avuto il ruolo di creare un denudamento e allo stesso tempo di creare delle maschere”

Camilla Barbarito è una cantante e performer milanese (classe 1978).
Si è formata attraverso un percorso variegato di teatro sperimentale e canto, grazie anche ad alcune giovanili tournée in Africa Sub-sahariana e la conseguente scoperta delle culture extra-europee.
Collabora con numerosi ensemble musicali, e porta avanti una propria originale ricerca nell’ambito della musica popolare mediterranea, ispirandosi alle sonorità balcaniche, al fado portoghese, alla musica rebetika greca, al tango argentino e alla musica Rom.
Parallelamente vive molte esperienze sia come attrice di teatro che come vocal-performer all’interno di spettacoli e concerti di natura sperimentale e improvvisativa.
Ha lavorato tra gli altri con Vladimir Denissenkov, Ivana Monti, Jovica Jovic, Paolo Rossi, Roberta Torre, AGON, Teatro delle Moire, Duccio Bellugi del Theatre du Soleil, Nema Problema Orkestar, Musicamorfosi, Teatro Menotti, Renata Ciaravino e Renato Gabrielli, oltre a numerosi altri protagonisti della scena musicale milanese di questi anni.
È l’ideatrice del personaggio Nina Madù, che insieme alla band le Reliquie Commestibili si è fatto apprezzare nell’ambito indipendente.
Insieme a Fabio Marconi è direttrice artistica della rassegna musicale La Cura di Dioniso per Van-Ghè Ambulatorio d’Arte.

camillabarbarito.com

un film imperdibile

Lina Wertmuller, Mimì metallurgico ferito nell’onore

un mio pezzo tra ragione e sentimento

Camilla Barbarito, Aria di neve

Il libro che ho riletto mille volte

Marius Schneider, Il significato della musica (SE, 2017)

Qual è la mia Domanda

Sette anni è l’età della ragione?

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Federico Basile